Abbinamenti e ricette



Indietro
Abbinamenti e ricette

Schiacciata con cipolla e salvia

Ingredienti:

  • Farina 00 400 g
  • Lievito di birra 20 g
  • Olio d’oliva 80 g
  • Zucchero 1 cucchiaino
  • Cipolle grosse 2
  • Salvia 12 foglie
  • Sale, pepe nero q.b.


Versate in una ciotola 50 g di farina e colatevi al centro, rimestando, mezzo bicchiere d’acqua tiepida, nella quale siano stati sciolti il lievito e lo zucchero. Continuate a rimestare il preparato fino ad ottenere una pastella omogenea; poi copritela e mettetela a riposo per 1 ora circa.

In seguito, versate sul piano di lavoro il resto della farina. Salatela moderatamente e disponetela a fontana; adagiateci al centro la pastella lievitata e impastate il tutto, aggiungendo poca altra acqua tiepida, in modo da ottenere un impasto liscio e uniforme. Raccogliete la pasta a palla e ponetela a lievitare in un posto tiepido fino a quando sarà raddoppiata di volume. A questo punto riprendete a manipolarla con foga, incorporandovi la metà dell’olio. Datele la forma di una pizza, disponetela sulla placca del forno e lasciatela ancora lievitare per 1 ora. Intanto affettate le cipolle molto sottilmente, raccoglietele in una fondina e cospargetele di sale, di pepe e di salvia tritata; ungetele con il resto dell’olio e lasciatele marinare. Quando la pizza di pane avrà ripreso la sua lievitazione, allargatela con la punta delle dita, incavandola al centro. Spargete sulla sua superficie le cipolle e mettetela in forno caldo per circa mezz’ora. Servirla calda.


Strangozzi al tartufo nero


Ingredienti:

  • Strangozzi umbri 500 g
  • Tartufo nero 200 g
  • Aglio 2 spicchi
  • Olio extravergine d'oliva e sale q.b.


Lavate e spazzolate accuratamente il tartufo. In una padella scaldate l’olio con l’aglio per farlo insaporire; togliete la padella dal fuoco, eliminate l’aglio, aggiustate di sale e grattugiatevi il tartufo, lasciandone un po’ per guarnire il piatto successivamente. Cuocete gli strangozzi in abbondante acqua salata, scolateli al dente e saltateli in padella con l’olio e il tartufo. Impiattate la pasta, spolverandola con lamelle di tartufo.

Tenete da parte l’acqua di cottura per quando salterete la pasta in padella. Vi servirà per non far asciugare troppo il piatto. Questa è la ricetta tradizionale ma se volete, potrete sciogliere nell’olio insieme con l’aglio un’acciuga per dare una nota di sapore in più.


Uova all’occhio di bue con tartufo bianco


Ingredienti:

  • Uova 2
  • Burro 30 g
  • Tartufo bianco 15 g
  • Sale q.b.

Mettete il burro in una padella e aggiungete un pizzico di sale, togliete la padella dal fuoco e a quel punto mettete l’uovo, che avrete aperto delicatamente, facendo attenzione a non rompere il tuorlo. Rimettete la padella sul fuoco. L’uovo deve cambiare colore senza mai bollire, quindi fate cuocere a fuoco lentissimo, avendo cura di non far soffriggere l’albume e di non far rapprendere il tuorlo. Adagiate le uova pronte al centro del piatto e cospargete con le lamelle di tartufo bianco.